cose utili

VOLUNIA la speranza tutta Italiana

L’ideatore dell’algoritmo di Google Massimo Marchiori lancia Volunia il nuovo motore di ricerca,
ma non solo, tutto Italiano.

Volunia unisce la ricerca evoluta insieme alla parte sociale rendendo gli utenti “liberi” di interagire e cercare senza rimanere “ingabbiati” all’interno di grandi contenitori quali Google, Facebook, Yahoo etc ..

Nella speranza che anche in Italia la ricerca riesca a creare innovazione, il progetto sembra meravigliosamente interessante!

Ps: iniziate a guardare il video dal 40′ minuto .. prima il proiettore non funzionava, in questo lo stile Italiano non smetisce 🙂

il sito: http://launch.volunia.com/

Aderiamo alla protesta contro la proposta di legge sopa e pipa

PROTESTA CONTRO LE PROPOSTE DI LEGGE SOPA E PIPA

Wikipedia in lingua italiana approva ed esprime solidarietà verso la protesta dei colleghi della Wikipedia in lingua inglese contro lo Stop Online Piracy Act e il PROTECT IP Act. Tali proposte di legge, se approvate dal Congresso degli Stati Uniti, limiterebbero la libertà del web e la sopravvivenza stessa di Wikipedia.

leggi il comunicato

Square: il futuro del pagamento con carta di credito – direttamente dal telefonino

La tecnologia avanza è in continua evoluzione,
e quando è sinonimo di semplicità, velocità e comodità d’uso ha sempre il migliore dei risultati.
Risolvere un problema per trovare nuove opportunità di business, questo è il sinonimo di “Square

Square è un innovativo dispositivo che permette la ricezione di pagamenti con carta di credito direttamente dal proprio iPhone/iPad, semplicemente connettendo l’apparecchio alla presa audio del telefono.

Il creatore di questa meraviglia è Jack Dorsey lo stesso inventore di Twitter. Il suo intento è stato quello di facilitare la ricezione di pagamenti anche da parte di quei piccoli esercenti e imprenditori che hanno la necessità di ricevere i pagamenti con carta, senza imboccare in lunghissime pratiche burocratiche per farsi abilitare il sistema.

L’idea nata dall’esigenza di un amico che si era fatto sfuggire la vendita di un’opera perchè non poteva accettare il pagamento con carta, dopo un anno dalla nascita,  sta ora diventando un diffusissimo sistema, che di fatto sta rivoluzionando l’intero settore dei pagamenti!!

La semplicità di apertura dell’account, le spese esigue (2,75% su ogni transazione) e gli strumenti di monitoraggio delle proprie vendite sono la punta di diamante dell’intero sistema che sta prendendo il volo in America.

L’evoluzione di questo sistema  sarà addirittura il totale inutilizzo del contante e delle stesse carte di credito, attraverso un applicazione tipo iTunes attraverso la quale acquisteremo direttamente dal nostro telefonino!! e  se l’esperienza del App Store di iTunes è un indicatore, non c’è ragione per cui il sistema di Square non possa decollare a macchia d’olio.

Si spera che in Italia arrivi al più presto!!!

Twitter finalmente funziona con il cellulare anche in Italia!

Dopo tempo finalmente l’aggiornamento dei  Tweet via cellulare sbarca anche in Italia!
non so’ da quanto tempo Twitter abbia attivato la possibilità ..  sicuramente fino a qualche mese fà per gestire i Tweet via cellulare bisognava scarica o fare uso di altri software.

Ora nelle opzioni di Twitter si può scegliere se ricevere e inviare via sms i Tweet,
sicuramente questo sviluppo porterà ad un maggiore utilizzo di Twitter anche da parte degli utenti Italiani.

Catturata l’antimateria, ovvero l’opposto della materia …

A seguire un articolo interessante tratto dalla rete che parla di una scoperta che potrebbe cambiare il mondo…
l’antimateria questo intagibile rovescio della medaglia della materia di cui fa parte il mondo fisico in cui viviamo,
affascinante …

Il nucleo di antimateria più pesante al mondo è stato catturato dai ricercatori del Relativistic Heavy Ion Collider (Rhic), l’acceleratore di particelle che si trova nei laboratori nazionali di Brookhaven, a Long Island, sotto la direzione del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.  Si tratta dell’ antielio-4, o particella anti-alpha, ed è una frazione piccolissima dei miliardi di particelle che si formano riproducendo in laboratorio le collisioni tra ioni che hanno caratterizzato i primi istanti di vita dell’ Universo.

Un antielio-4 è formato da due antiprotoni e due antineutroni tenuti assieme da un legame stabile che non va incontro a decadimento radioattivo. Ha carica elettrica negativa due volte superiore a quella di un elettrone, e una massa circa quattro volte quella di un protone. Questa caratteristica lo rende il nucleo di antimateria più pesante al mondo, un record che probabilmente durerà a lungo. Come spiegano i ricercatori su Nature, infatti, nuclei di antimateria più pesanti che non vanno incontro a decadimento radioattivo sono milioni di volte più rari, impossibili da catturare con le attuali tecnologie. “ Finché non miglioreremo la tecnologia degli acceleratori o scopriremo nuovi modi per produrre particelle – spiega il direttore del programma Rhic Steven Vigdor – è molto probabile che l’antielio-4 rimarrà a lungo il nucleo di antimateria stabile più pesante mai conosciuto”.

Ma perchè tanto clamore per la notizia? Scoprire la velocità con cui si formano queste particelle potrà fornire informazioni preziose sulla natura dell’Universo. Una delle grandi sfide degli astrofisici è quella di capire dov’è andata a finire tutta l’antimateria formatasi in seguito al Big Bang.
Nonostante la grande esplosione che ha dato origine al Cosmo abbia liberato eguali quantità di materia e antimateria, infatti, oggi l’Universo sembra formato quasi esclusivamente dalla prima.

Jailbreak Ipad with IOS 4.2.1

Per lavoro e perchè penso che certe restrizioni sono veramente inutili,
visto che alla fine è il mercato e chi usa i dispositivi a voler  non avere restrizioni di uso,
vi segnalo un bel procedimento per sbloccare il vostro IPAD con IOS 4.2.1

Qualche giorno fa è stato rilasciato (per windows, perchè la versione per Mac è uscita poco tempo prima) Greenpois0n, il tool dei Chronic Dev Team che consente il Jailbreak dei dispositivi con su l’iOS 4.2.1. Il programma si rivela particolarmente utile soprattutto per i possessori di iPad, interessati al Jailbreak, che erano rimasti fermi alla revisione 3.2.2 dell’iOS. Greenpois0n consente di effettuare un Jailbreak di tipo untethered, cioè senza la necessità di attaccare al computer il proprio device ogni volta che si riavvia, ed il suo utilizzo si rivela davvero molto semplice; andiamo quindi a vedere come funziona.

Partiamo dunque dall’occorrente per effettuare il Jailbreak.

1) Greenpois0n 1.0RCB5 beta2

2) iPhone, iPad o iPod con iOS 4.2.1. Potete scaricarlo direttamente da questa pagina di iSpazio.

3) Un dispositivo che sia italiano; i dispositivi stranieri infatti devono utilizzare un’altra guida per la quale vi rimando sempre ad iSpazio.

Gli iDevice supportati da Greenpois0n sono praticamente tutti quelli usciti fino adesso, tranne l’iPhone 3g per il quale sarà necessario utilizzare Redsn0w ed un’altra procedura. Ricordatevi che come base di partenza il vostro dispositivo dovrà avere il 4.2.1 originale. Dopo aver aggiornato o ripristinato quindi grazie ad iTunes sarete pronti a partire.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1) Spegnete il vostro dispositivo e collegatelo al PC. Attendete che il vostro iDevice si riavvii, chiudete iTunes nel caso si aprisse e quando sarete pronti premete il tasto “prepare to jailbreak“.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2) Il programma vi chiederà quindi di mettere il dispositivo in modalità DFU. Per farlo seguite le semplici istruzioni a schermo e seguite il conto alla rovescia. Come prima cosa vi verrà chiesto di premere contemporaneamente il tasto Home ed il tasto di accensione per 10 secondi.

3) Terminato il conto alla rovescia, lasciate il tasto di accensione e continuate a tenere premuto il tasto Home fin quando il programma non terminerà il successivo conto alla rovescia.

Se avete eseguito tutto col giusto tempismo Greenpois0n vi avviserà che è pronto ad iniziera il Jailbreak vero e proprio. Premete quindi il tasto “Jailbreak” ed in pochi secondi uno slider vi informerà dell’avvenuto successo. Al termine, troverete sul vostro iDevice un nuovo programma chiamato “Loader” che vi consentirà di installare Cydia ed i suoi utilissimi tweak. Buon Jailbreak a tutti!

Problema matematico risolto… per chi se ne intende

Riporto un articolo interessante … magari può essere stimolante per qualcuno …

In quanti modi si può scrivere 4 come somma di altri numeri interi?  in 5 modi.
Infatti :
4=4
4=3+1
4=2+2
4=2+1+1
4=1+1+1+1

 

Nel linguaggio matematico si dice che la partizione di 4 è 5 e si indica come P(4)=5. Ma qual è la partizione di 100? E quella di 100.000? Esiste un modo veloce per calcolare la partizione di qualunque intero senza perdersi in migliaia di calcoli astronomici? La domanda sembra banale ma ha tenuto impegnati per secoli i matematici che hanno tentato, invano, di trovare un’equazione che permettesse di risolvere il problema.
La sequenza dei numeri di partizione dei primi numeri naturali è P(0)=1, P(1)=1, P(2)=2, P(3)=3, P(4)=5, P(6)=7, P(8)11, P(9)=15, P(10)=42.  Come di vede P(n) cresce velocemente al crescere di n. Per il numero 100 è maggiore di 190.000.000 Si tratta insomma di numeri grandi e scomodi da maneggiare. E oltretutto la sequenza dei numeri di partizione non segue, almeno in apparenza, nessuno schema logico.
A venire a capo del problema ci hanno provato in tanti:  in particolare Eulero nel XVIII secolo e, negli anni ’20, il matematico indiano Ramanujan, che era riuscito a sviluppare una formula che permetteva di calcolare abbastanza agilmente P(n) per n inferiore o uguale a 200.
La formula faceva uso del valore pigreco e ciò la rendeva imprecisa e pieno di decimali. Ma nel 1919 Ramanujan, poco prima di morire, lasciò un misterioso appunto nel quale indicava una non meglio specificata schematicità nella sequenza secondo le potenze di 5, 7, 11. Un indizio misterioso, degno di un romanzo di Dan Brown.
Lo ha colto Ken Ono, un giovane matematico della Emory University di Atlanta, in Georgia che insieme ai suoi collaboratori è venuto a capo dell’enigma: i numeri di partizione si comportano come i frattali.
In apparenza sono disordinati e senza alcuna congruenza, ma se analizzati a livello “micro” sono composti da schemi ordinati che si ripetono.
Le sequenze delle partizioni sono insomma periodiche e si ripetono identiche a intervalli precisi. Ramanujan aveva ragione e il segreto di questo schema è nelle proprietà di divisibilità dei numeri di partizione.
Ono e i suoi collaboratori si sono spinti oltre e grazie a una serie di intuizioni geniali sono riusciti a sviluppare una formula che permette di calcolare P(n) per ogni numero intero pari a n. “I risultati di Ono sono sorprendenti” ha commentato George Andrews, presidente della American Mathematical Society. “Ha ideato una superstruttura matematica inimmaginabile fino a qualche anno fa. È un fenomeno”.
Interessante ma… a cosa serve? In realtà, oltre che essere un affascinante problema matematico, le partizioni hanno molte implicazioni in diverse aree dell’algebra, della fisica, della statistica e dell’economia.

scarica il documento di ONO (pdf):  0008140v1

Load More